NBA Finals 2021: analisi prime due gare

Analizziamo l'andamento delle NBA Finals al termine dei primi due atti della serie, con i Phoenix Suns avanti dopo aver vinto due match.

Scritto da Valentino Aggio  | 
AP Photo

Analizziamo l'andamento delle NBA Finals al termine dei primi due atti della serie, con i Phoenix Suns avanti dopo aver vinto due match.

NBA FINALS

Le NBA Finals 2021 sono entrate nel vivo nel corso di questa settimana. A Phoenix, Arizona, sono andati in scena i primi due atti della serie che vede affrontarsi i Phoenix Suns contro i Milwaukee Bucks. La serie al momento vede i ragazzi di coach Monty Williams in vantaggio per 2-0, rispettando così ampiamente il fattore campo. Andiamo adesso a parlare di entrambe le squadre, analizzando i punti di forza e di debolezza di entrambe le parti.

Phoenix Suns

Le prime due gare dei padroni di casa sono state superlative: considerato che la maggior parte del gruppo è non solo alla prima esperienza alle Finals, ma alla prima esperienza in postseason, non si poteva chiedere di più. Il binomio Chris Paul-Devin Booker ha dimostrato per l'ennesima volta che funziona alla grande. CP3 ha accusato leggermente i primi minuti di Gara1, tirando poco e male nel primo tempo, perdendo anche due palloni, cosa non da lui. Nel secondo tempo l'ex-Thunder si è scatenato, dominando la partita in lungo e in largo. Seconda partita leggermente diversa per la point guard dei Suns: Paul soffre la prestazione superlativa di Jrue Holiday in difesa, capace di ostacolare un giocatore dal talento sconfinato come il #3. Nell'ultimo quarto Paul fa parecchi errori, ma nulla che comprometta il referto rosa ottenuto dai suoi al termine dei 48 minuti di gioco. In una partita “no” per il proprio compagno di reparto, Devin Booker tira fuori dal cilindro una performance dominante in Gara2: sono 31 i punti della guardia dei Suns, con un solido 7/12 dall'arco.

Booker ha giocato due partite da veterano, partendo forte in Gara1 quando Paul stava faticando e punendo una difesa rivedibile in Gara2. DeAndre Ayton domina sotto entrambi i ferri in Gara1, catturando ben 19 rimbalzi e difendendo in maniera sontuosa contro chiunque gli sia capitato davanti. Purtroppo la prestazione di gara2 non è altrettanto dominante per il giocatore delle Bahamas, che comunque porta a casa una doppia-doppia. Un protagonista che non ci si aspetta è senza dubbio Mikal Bridges: insieme al compagno di reparto Jae Crowder limita l'attacco avversario, segnando addirittura 27 punti in Gara2.

Sorprende la tenacia del giovane, che ha coraggio e fiducia. Purtroppo gli infortuni stanno decimando i Suns in queste prime due gare: prima Dario Saric in Gara1, stanotte Torrey Craig: mentre per il primo è stagione finita, per Craig non si hanno ancora notizie: si parla di una contusione al ginocchio, rimediata in un contatto con Antetokounmpo, ma non si sa se potrà prendere parte alle prossime partite.

Milwaukee Bucks

Nonostante le due sconfitte si ha una certezza in casa Bucks: la natura non umana di Giannis Antetokounmpo. Il greco si è infortunato pesantemente al ginocchio durante le Eastern Conference Finals e fino a poche ore da gara1 non si sapeva se sarebbe sceso in campo. Il greco non solo ha giocato, ma ha dominato la difesa di Phoenix nei primi due atti della serie. Subito gli appassionati si sono sincerati delle condizioni di Giannis dopo averlo visto saltare per prendere un alley-oop nella prima azione delle finali. Dopo i 20+17 di Gara1, “The Greek Freak” ha alzato l'asticella in Gara2: sono 42 i punti sulla sirena finale conditi da ben 12 rimbalzi. La prestazione del #34 è al di fuori da ogni logica, specialmente se si pensa alle sue condizioni un paio di settimane fa. Purtroppo si è visto come non basti solamente un Antetokounmpo fuori dal normale per vincere. Purtroppo i più fidi compagni del greco, Khris Middleton e Jrue Holiday giocano due partite altalenanti.

Middleton gioca una Gara1 da leader con 27 punti segnati, ma scompare completamente nel secondo appuntamento. Le sue difficoltà al tiro (5/16 e 1/6 da tre punti) rispecchiano le difficoltà di tutta la squadra in attacco: da tre punti i Bucks hanno tirato 9/31. Non solo in attacco, ma Middleton stanotte non è pervenuto in difesa: il #22 ha lasciato carta bianca a Booker, che lo ha punito. Holiday invece ha giocato molto bene in difesa in Gara2 su Chris Paul, ma i 10 punti con 4/14 dal campo in Gara1 servono a ben poco. Questi due giocatori sono delle chiavi per i Bucks se vogliono avere qualche speranza di vincere la serie.

Complicato l'inizio di serie anche per P.J. Tucker: l'esperto dei Bucks è alle Finals solo per difendere, ma nei primi due appuntamenti ha sofferto molto l'esplosività dei propri avversari più giovani, mentre ha giocato discretamente nell'altra metà campo. Male anche Brook Lopez, completamente obliterato da Ayton in Gara1. Decisamente migliore la prestazione del prodotto di Stanford stanotte, ma la mira al tiro è da aggiustare in Wisconsin. 

 

GARADATAORAPARTITARISULTATO
16/73:00Suns-Bucks118-105
28/73:00Suns-Bucks118-108
311/72:00Bucks-Suns 
414/73:00Bucks-Suns 
5*17/7*3:00*Suns-Bucks* 
6*20/7*3:00*Bucks-Suns* 
7*22/7*3:00*Suns-Bucks* 

💬 Commenti